Virg1 II.webp

Patrizia Virgone

Patrizia Virgone

PATRIZIA VIRGONE, nata nel 1983 a Cantù (Como), inizia gli studi musicali all'età di 9 anni ed a 11 entra nella classe di Arpa del Conservatorio di Musica di Como, dove nel 2006 si diploma sotto la guida del M° Valeria Madini Moretti. Successivamente effettua corsi di perfezionamento presso la scuola di musica ''Gioacchino Rossini'' di Castrocaro Terme e presso l'Accademia di Musica di Erba. Si classifica seconda partecipando ai Concorsi Nazionali ed Internazionali quali la XVII Rassegna Giovani Strumentisti Rotonda di San Biagio a Monza e il Concorso Nazionale Città di Stresa. Nel 2004 è finalista al Concorso Nazionale ''Premio delle Arti'' presso l'Accademia di Santa Cecilia di Roma. Nel 2005 vince il XIV Concorso Nazionale ''Riviera della Versilia''. Ha frequentato presso il Conservatorio di Musica di Como il Biennio Accademico di Arpa ad indirizzo interpretativo solistico, laureandosi brillantemente nel 2010. Parallelamente all'attività concertistica si è dedicata all'insegnamento in Italia e in Svizzera presso le Scuole Musicali ''Vincenzo Bellini di Tradate'', Scuola di musica ''Nota su Nota di Como, Accademia Europea di Musica di Erba, Nuova Scuola di Musica di Cantù, Scuola l'Albero delle Note' di Pura (CH), Nuova Scuola di Musica di Balerna, Scuola di Musica di Locarno. In qualità di solista e in duo (arpa e violino, arpa e flauto) si è esibita in prestigiose Ville del Lario quali Villa Olmo, Villa Erba, Villa d' Este, Villa Pizzo, Villa Serbelloni, Hotel Castadiva, Hotel Splendide di Lugano. Nel corso della sua carriera ha effettuato numerosi concerti solistici proponendo un vasto repertorio per arpa classica e per arpa celtica. Ha collaborato con l'Associazione Culturale ''Wivi''di Mandello del Lario. Ha inoltre collaborato e collabora con diverse formazioni sinfoniche e cameristiche quali l'Orchestra 1813 del Teatro Sociale di Como, l'Orchestra Fiati Filarmonici, l'Orchestra Sinfonica di Lecco, l'Orchestra Sinfonica del Lario, l’Orchestra Amadeus, il Gruppo Mandolinistico ''città di Como'' e l’Orchestra di Fiati della Città di Borgosesia.

Programma Didattico

Il percorso di studio viene personalizzato in base all’età, il livello di partenza e i desideri di ogni allievo. Le lezioni prevedono un’introduzione allo strumento, nello specifico il funzionamento dell’arpa celtica -leaver harp- così che l’arpista diventi indipendente e padrone dello strumento.

È possibile prevedere anche un’introduzione all’arpa da concerto (pedal harp).

L’insegnante, proveniente da studi classici conseguiti al Conservatorio di Musica di Como, crede nell’apprendimento di una tecnica classica di base e tiene a garantire un tipo di studio a 360 gradi sullo strumento: l’arpista, come tutti gli strumentisti, avendo imparato ed esercitato la tecnica di base, è libero di suonare la musica che preferisce.

Lo studente, in questo modo, oltre alla base di repertorio classico e celtico, avrà la possibilità di suonare un repertorio vario ed eterogeneo avendo gli strumenti necessari per trasformare o adattare diversi tipi di brani allo strumento.

Le lezioni Il corso è individuale per dare la possibilità all’allievo di poter personalizzare il proprio percorso didattico. Contenuti del corso:

Lo strumento

- Impostazione delle tonalità sull’arpa celtica

- Accordatura dell’arpa

- Cambio corde

 

Tecnica

- Tecnica di base per ottenere una corretta postura

- Posizionamento delle mani

- Esercizi di base: scale, arpeggi

- Tempo, ritmo e utilizzo del metronomo

 

Teoria

- Solfeggio di base e lettura musicale

- Lo studio di un brano: analisi di base, tonalità, struttura

- Sigle e accordi di base per musica celtica e moderna

 

Materiali

Si utilizzeranno principalmente i seguenti volumi:

- Io suono l’arpa di G. Bosio

- Grossi: Metodo per arpa

- Frojo: esercizi di tecnica per rendere le dita agili